Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 466
MODICA - 29/05/2012
Cronache - Mano pesante del gup del tribunale di Modica anche per un dipendente comunale

VIDEO: condannati per droga 2 agricoltori

Complessivi 13 anni di carcere e 70mila euro di multa per Pieruccio Boschi, 46 anni, Carmelo Tudisco, 51 anni, ed Emilio Tudisco, 45 anni Foto Corrierediragusa.it

Mano pesante del gup Lucia De Bernardin per due fratelli agricoltori incensurati e per un dipendente comunale sciclitano, già noto per reati vari, arrestati lo scorso ottobre per detenzione e spaccio di droga: 13 anni di carcere rispetto ai 18 chiesti dalla pubblica accusa.



Il terzetto, sorpreso lo scorso ottobre dalla polizia in possesso di 20 pani di marijuana di prima scelta del valore di oltre 200mila euro e del peso complessivo di circa 40 chili, è stato condannato in udienza preliminare anche al pagamento di 70mila euro di multa. La pubblica accusa aveva chiesto la condanna dei tre imputati a 6 anni ciascuno. Ai fratelli incensurati Carmelo ed Emilio Tudisco, di 51 e 45 anni, entrambi agricoltori, sono stati inflitti 4 anni di carcere ciascuno, oltre al pagamento di una multa di 20mila euro ciascuno. Il loro complice, il dipendente comunale di Scicli Pieruccio Boschi, 56 anni, è stato invece condannato a 5 anni e 30mila euro di multa. A parte Emilio Tudisco, che sconterà la pena ai domiciliari, gli altri due restano rinchiusi in carcere. I fratelli Tudisco, nell’ambito dell’interrogatorio di garanzia, si erano detti estranei ai fatti, rigettando le accuse e addossando le responsabilità a Boschi.

Stando alle indagini a suo tempo condotte dalla squadra mobile, coordinata dal dirigente Francesco Marino, i fratelli Tudisco pensarono di accostare alla loro attività di produzione di primaticci in serra il ben più lucroso spaccio di droga, utilizzando come deposito la loro azienda di contrada Barone, nell’agro di Scicli, nei pressi di Donnalucata. Per avviare lo spaccio al dettaglio, i due fratelli si affidarono a Boschi, già avvezzo al mercato della droga. L’insolito viavai notturno nell’azienda agricola mise sul chi vive la polizia, che, dopo appostamenti, pedinamenti ed intercettazioni telefoniche, colse in flagranza i fratelli Tudisco nella loro azienda agricola, arrestando pochi minuti dopo anche Boschi. Allora si dichiarò soddisfatto il prefetto Filippo Barboso, perché la grossa operazione portata a termine dalla polizia con i tre arresti e il maxi sequestro scongiurò il rischio che la droga potesse finire nelle tasche degli studenti all’uscita delle scuole.

Nelle foto sotto da sx Pieruccio Boschi, Carmelo ed Emilio Tudisco

Piero Boschi Carmelo Tudisco Emilio Tudisco