Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1004
MODICA - 16/10/2011
Cronache - Dopo l’azione congiunta di 34 creditori di palazzo San Domenico

Ex palazzo poste pignorato, va all´asta tra un mese

Il valore assegnato all’immobile è di un milione 88mila euro

E’ stato pignorato l’ex palazzo delle poste di corso Umberto I. 34 creditori del comune di sono associati e, tramite un legale, hanno proceduto al decreto ingiuntivo nei confronti dell’ente, che, come noto, ha seri problemi di liquidità. Da qui il conseguente pignoramento dell’immobile, che, nel caso l’amministrazione non riuscisse ad estinguere il debito con i creditori, andrà all’asta nell’udienza fissata per il prossimo 15 novembre.

Il valore assegnato al palazzo delle poste è di un milione 88mila euro, oltre mezzo milione in meno rispetto al reale valore di mercato circa 200mila euro in più rispetto alla somma pagata nel 2005 dall’allora amministrazione per l’acquisto dell’immobile, costato 840mila euro. La messa all’asta dell’immobile rappresenta l’ennesima riprova dell’incapacità della giunta a risolvere problemi pressanti. E così mentre l’assessore al bilancio Amoroso annuncia l’intenzione di allogare nell’ex palazzo delle poste degli uffici comunali, l’ente non ha più neanche il possesso dell’immobile, di fatto affidato al custode giudiziale in attesa della messa all’asta il prossimo 15 novembre.

Un autentico paradosso messo in evidenza dal consigliere comunale di Sel Vito D’Antona, che, rivolgendosi in primis al sindaco Buscema, suggerisce alla giunta di muoversi in tempo utile per bloccare l’azione giudiziaria e salvaguardare l’ex palazzo delle poste. Ma, a quanto pare, ancora nulla si è mosso da palazzo San Domencio, e c’è da ipotizzare anche che l’assessore al bilancio non ne sappia nulla, della messa all’asta dell’immobile, visti i suoi frequenti viaggi a Palermo per la sua attività professionale, la stessa che gli impedisce di restare a Modica tutti i giorni.