Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 842
MODICA - 14/10/2011
Cronache - Due episodi segnalati in contrada Crocevie e via Loreto

Morsi di cane, ma non erano randagi

Le vittime delle "attenzioni" degli aninali sono state curate al pronto Soccorso

Un bambino di 7 anni e una donna di 40 aggredito da due cani in altrettanti distinti episodi a Modica. Ma non si tratta del ritorno dell’allarme randagi. Non a caso, il bimbo è stato morso in maniera lieve da un cane padronale in via Loreto, un cane abituato a stare con le persone. Nel caso della donna, ferita in maniera lieve in contrada Crocevia, sarebbe stato un piccolo meticcio ad aggredire, forse perché affamato.

Ma si tratta di episodi che, seppure spiacevoli, rientrano nella normalità, come conferma il primario del pronto soccorso di Modica Carmelo Scarso, dove il bimbo e la donna feriti sono stati curati e poi subito dimessi. Per Scarso non è il caso di creare facili allarmismi, dal momento che questi episodi possono essere classificati come incidenti domestci.

"Riceviamo decine di ricoveri del genere spalmati in in solo anno - dichiara Scarso - e in questi ultimi due casi si è trattato di ferite levievi giudicate guaribili dai tre ai cinque giorni. Ci occupiamo spesso - conclude il primario - non solo di morsi di cane, ma anche di graffi di gatto". Come dire che il branco, in questi ultimi due casi, non c’entra proprio nulla.