Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1171
MODICA - 07/10/2011
Cronache - La richiesta della procura al gup

Fratelli strozzini e direttore di banca complice a giudizio

Si tratta di Salvatore e Giorgio Civello, di 65 e 57 anni, il secondo incensurato, nonché del direttore di banca Giuseppe Iemmolo

Usura aggravata, minacce ed estorsione aggravata in concorso. Per questi gravi reati il procuratore capo Francesco Puleio ha chiesto in udienza preliminare al gup il rinvio a giudizio dei fratelli fruttivendoli Salvatore e Giorgio Civello, di 65 e 57 anni, il secondo incensurato, nonché del direttore di banca Giuseppe Iemmolo. Salvatore Civello deve altresì rispondere di detenzione illegale d’arma da fuoco. Nel giugno scorso i tre imputati erano stati coinvolti in una complessa operazione che aveva portato all’arresto dei fratelli Civello ed all’applicazione della misura interdittiva del divieto di esercizio di attività professionale in banca per due mesi per Iemmolo.

I fratelli Civello, conosciuti a Pozzallo perchè gestori di un bar e di un negozio di ortofrutta, secondo l’accusa avrebbero tenuto le fila di un giro di usura che andava avanti da qualche anno, con interessi praticati fino al mille 200%. I due agivano con la compiacenza del direttore della filiale di Pozzallo della Banca Agricola Popolare di Ragusa Giuseppe Iemmolo, che, approfittando della sua posizione, intercettava in banca i clienti con difficoltà economiche, indirizzandoli verso i fratelli Civello. Le vittime erano tutte titolari di attività commerciali di Pozzallo.

Dieci i commercianti che alla fine hanno denunciato i fatti, titolari di cinque attività commerciali, due delle quali chiuse nell’ultimo anno a causa degli interessi da usura applicati dai due fratelli pozzallesi. I prestiti concessi dai Civello variavano dai 5 mila ai 15 mila euro, con tassi d’interesse da usura decuplicati. I due fratelli si erano avvalsi della facoltà di non rispondere nell’ambito dell’interrogatorio di garanzia dinanzi al magistrato.