Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 741
MODICA - 30/01/2008
Cronache - Modica - Il giovane perse la vita lo scorso settembre sulla Ss 194

Incidente mortale Linguanti:
indagato un camionista

Ipotesi di reato di omicidio colposo e omissione di soccorso Foto Corrierediragusa.it

Non appare più come un incidente stradale autonomo quello in cui perse la vita, lo scorso settembre, il modicano Salvatore Linguanti (nella foto), 29 anni. Dal fascicolo aperto dalla Procura risulta difatti iscritto nel registro degli indagati un camionista di Ragusa.

Le ipotesi di reato prospettabili a suo carico sono omicidio colposo ed omissione di soccorso. Il camionista ha già nominato un avvocato per la sua difesa, mentre la Procura ha incaricato un consulente tecnico d’ufficio, l’ingegnere Santi Ciravolo di Catania, affinché effettui gli accertamenti di rito. Le operazioni peritali cominceranno sabato. I genitori della giovane vittima sono patrocinati dagli avvocati Salvo Maltese e Mario Caruso, che hanno nominato un perito di parte.

Una scelta analoga a quella del legale dell’indagato. Determinanti ai fini di un eventuale proscioglimento si riveleranno gli esiti delle perizie. Salvatore Linguanti, molto noto in città assieme ai genitori, gestori di due rosticcerie, era deceduto nel reparto di neurochirurgia del «Cannizzaro» di Catania, dopo quattro giorni di coma. L’incidente mortale, in un primo momento giudicato autonomo, si verificò all’altezza del km 104,600 dello scorrimento veloce Modica-Pozzallo, sul viadotto la Ss 194.

Il 29enne, alla guida della sua Bmw, pare abbia colliso con i gemelli del rimorchio dell’autoarticolato che lo precedeva, perdendo il controllo del mezzo e sfondando il guardrail. L’auto finì accartocciata nella scarpata dopo un volo di 16 metri. In un primo momento si era pensato ad un colpo di sonno o ad un malore di Linguanti che, in ogni caso, pare procedesse a velocità sostenuta. Il giovane, ragioniere in un’azienda, aveva appena staccato dal lavoro per recarsi a Marina di Modica.