Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1207
MODICA - 05/10/2011
Cronache - In attesa dell’evoluzione della vicenda giudiziaria

Francesco Roccaro sospeso dall´Asp rischia il licenziamento

A carico del dirigente di medicina dello sport era caduta l’accusa di peculato aggravato

E’ già stata avviata dall’Asp 7 di Ragusa la procedura disciplinare a carico del medico Francesco Roccaro, che, dopo la sospensione, potrebbe essere a breve licenziato. Pare che il dirigente di medicina dello sport del centro unico di prenotazione di via Aldo Moro si fosse presentato regolarmente al lavoro, dopo la remissione in libertà decisa dai giudici del riesame di Catania. A carico di Roccaro era caduta l’accusa di peculato aggravato, ma la direzione sanitaria dell’Asp ha optato ugualmente per la sospensione dal lavoro e per l’avvio della procedura disciplinare, propedeutica al licenziamento. Stessa procedura potrebbe interessare anche le altre due dipendenti Concetta Baglieri e Maria Grazia Elena Scivoletto, di 47 e 49 anni, entrambe modicane. Per queste ultime, ristrette ai domiciliari nelle rispettive abitazioni, è attesa la revoca della misura restrittiva per le prossime ore.

La Scivoletto esercitava altresì in maniera abusiva la professione d’infermiera, non possedendo la preparazione professionale e i titoli necessari, mettendo a rischio la salute dei pazienti. Roccaro e le due donne avevano rigettato gran parte delle accuse, dicendosi in sostanza estranei ai fatti nell’ambito degli interrogatori di garanzia. Nelle prossime ore saranno altresì interrogati 22 impiegati del Cup indagati, che potrebbero rischiare la sospensione dal servizio dopo l’interrogatorio disposto dal magistrato, che valuterà caso per caso. Già da qualche giorno i 22 impiegati avevano ricevuto l’avviso di comparizione in tribunale.