Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 948
MODICA - 20/09/2011
Cronache - La giunta dovrà procedere al ripristino dello stato dei luoghi per un ammontare di 35mila euro

Reflui fognari dalla piscina di Modica: comune condannato al risarcimento

Era stato un imprenditore edile modicano a citare in giudizio l’ente di palazzo San Domenico Foto Corrierediragusa.it

Condanna al pagamento delle spese processuali ed al ripristino dello stato dei luoghi per un ammontare di 35mila euro. E’ la pena inflitta dal giudice civile ad un imputato «particolare»: il comune di Modica. Era stato un imprenditore edile modicano a citare in giudizio l’ente di palazzo San Domenico, dopo essersi visto rovinare la sede dell’azienda ed un altro fabbricato annesso dai reflui provenienti dalla sovrastante piscina comunale di via Sacro Cuore (foto). La parte lesa lamentava da tempo l’assenza di un sistema di scarico dei reflui dalla struttura comunale gestita da privati.

Di conseguenza, in circa un anno, si erano formate nella proprietà dell’imprenditore delle maleodoranti pozze d’acqua sporca profonde oltre un metro e mezzo, che avevano altresì causato pericolose infiltrazioni nei due edifici, compromettendone l’agibilità. Un danno al quale il giudice ha adesso chiamato il comune a rispondere, con la condanna in sessione civile. La parte lesa era difesa dall’avvocato Giovanni Dipasquale, mentre l’ente di palazzo San Domenico era rappresentato dall’avvocato Miriam Dell’Ali.

Pochi giorni fa sono stati intanto inaugurati i locali dell’impianto sottoposti ad una manutenzione straordinaria, a carico dello Sport Service che gestisce la struttura, che ha interessatogli spogliatoi corredati da strumenti e di arredi all’avanguardia utili a ridurre gli sprechi di energia ed acqua e a rispettare l’ambiente.