Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1021
MODICA - 21/08/2011
Cronache - Il provvedimento emesso dal Gip per l’insussistenza delle esigenze della custodia cautelare

Giovanni Minardo è stato rimesso in libertà

Il processo è stato fissato per il prossimo 6 Ottobre Foto Corrierediragusa.it

Giovanni Minardo (foto) è tornato in libertà. L’ex capo di gabinetto del sindaco di Pozzallo era stato arrestato lo scorso 10 luglio per concussione. E’ stato il Gip del tribunale di Modica, Lucia De Bernardin, a ritenere non più sussistenti le esigenze della custodia cautelare in carcere per l’ex funzionario di palazzo La Pira. Il Pm aveva espresso parere contrario alla scarcerazione.

L’udienza di giudizio immediato, richiesta dal difensore di Giovanni Minardo, Enzo Galazzo, è stata fissata per il 6 ottobre. Lo stesso difensore sostiene che: «Giovanni Minardo sarà ora in grado di rafforzare il suo impianto difensivo per dimostrare la sua assoluta innocenza e la non veridicità delle accuse che gli sono state mosse». Proprio la scorsa settimana Giovanni Minardo aveva chiesto con una lettera dalla casa circondariale di Modica il pensionamento anticipato è stato chiesto al sindaco Peppe Sulsenti.

Il funzionario pubblico, per il quale il procuratore capo aveva chiesto il giudizio immediato, è accusato d’aver intascato una tangente di 3 mila 500 euro dal titolare di un Bed and Breakfast di Pozzallo per garantire a quest’ultimo il rinnovo della licenza per poter ospitare nella struttura i minori immigrati non accompagnati. Dinanzi al magistrato Minardo si è sempre dichiarato innocente.