Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 710
MODICA - 18/08/2011
Cronache - Quando non c’è più rispetto neanche per i morti

Cadavere in corsia per oltre 4 ore. Succede al "Maggiore"

Il corpo senza vita del degente è stato vegliato per buona parte della giornata dai familiari in corsia, perché non c’era nessuno del personale infermieristico ed ausiliario che la potesse trasportare il corpo nella camera mortuaria

Quando negli ospedali non c’è rispetto neanche per i morti. Accade così che la povera salma di un degente possa rimanere penosamente «parcheggiata» in una corsia d’ospedale, adagiata su una barella e coperta solo da un lenzuolo addirittura per ben quattro ore.

E’ quanto successo all’ospedale «Maggiore» di Modica. Il corpo senza vita del degente è stato vegliato per buona parte della giornata dai familiari in corsia, perché non c’era nessuno del personale infermieristico ed ausiliario che la potesse trasportare il corpo nella camera mortuaria. Effetti beffardi della cronica carenza di personale, acuita dalle ferie estive. Accade così che per far quadrare i conto del bilancio in perdita della sanità, con un debito grosso come una voragine a livello regionale, si calpesti persino la dignità dei defunti, aggiungendo pure la rabbia al già profondo dolore dei familiari per la perdita del loro caro.

Il decesso dell’uomo si era verificato il giorno di ferragosto nel reparto di rianimazione, e la salma è rimasta in corsia, come accennato, per quasi quattro ore prima d’essere collocata nella camera mortuaria, dopo che i familiari, distrutti dal dolore, avevano cominciato giustamente a chiedere conto e ragione sull’assurda situazione dai paradossali contorni. Insomma, al «Maggiore» anche i morti devono attendere, e anche per parecchie ore, prima di ottenere un trattamento decoroso e poter così riposare in pace.


Invito
19/08/2011 | 13.54.19
Dado

Vorrei ringraziare i familiari del paziente deceduto x la loro correttezza nel chiarire il fatto. Vorrei pure invitare la redazione a scrivere alcune righe in cui si chiarisce il tutto. Forse non fa informazione?


la correttezza nelle notizie
18/08/2011 | 11.20.19
i familiari

Saremmo curiosi di conoscere la fonte di tale notizia essendo quest´ultima fondamentalmente falsa: infatti il tempo trascorso in attesa dell´ausiliare é stato di circa 45 minuti durante il quale la salma é rimasta in un luogo appartato al cospetto dei familiari.
Tutto ciķ per una corretta informazione.

I familiari.