Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 897
MODICA - 17/08/2011
Cronache - L’ex capo di gabinetto del sindaco Sulsenti ha scritto una lettera dal carcere

Giovanni Minardo chiede il pensionamento anticipato

L’uomo è accusato d’aver intascato una tangente di 3 mila 500 euro dal titolare di un B&B di Pozzallo

Il pensionamento anticipato è stato chiesto al sindaco di Pozzallo Peppe Sulsenti dal già capo di gabinetto del comune marinaro Giovanni Minardo, arrestato qualche settimana fa dalla guardia di finanza per concussione. Minardo aveva negato ogni addebito, dichiarandosi innocente, nell’ambito dell’interrogatorio in carcere da parte del magistrato, che aveva convalidato l’arresto, disponendo il mantenimento della custodia cautelare in carcere.

Il funzionario pubblico, per il quale il procuratore capo aveva chiesto il giudizio immediato, è accusato d’aver intascato una tangente di 3 mila 500 euro dal titolare di un B&B di Pozzallo per garantire a quest’ultimo il rinnovo della licenza per poter ospitare nella struttura i minori immigrati non accompagnati. Dinanzi al magistrato Minardo aveva respinto con fermezza le accuse, dichiarandosi innocente. Eppure era stato lo stesso imprenditore pozzallese, contrariato dalla richiesta di Minardo, a rivolgersi direttamente alla Procura di Modica, raccontando i fatti al procuratore, il quale aveva messo in moto la macchina organizzativa tesa ad accertare eventuali responsabilità di Minardo.

Gli investigatori avrebbero programmato il pagamento della tangente e sarebbero intervenuti subito dopo la consegna dei soldi arrestando in flagranza Minardo, che, adesso, tramite una lettera autenticata dal direttore del carcere di Modica Alta, dove l’uomo resta rinchiuso, chiede al primo cittadino di Pozzallo di poter essere collocato anzitempo a riposo.