Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 516
MODICA - 25/07/2011
Cronache - L’accusa è quella di omicidio colposo

Indagine sulla morte di Emanuele, indagato il padre

Nominato un consulente tecnico d’ufficio, che dovrà stabilire le cause del drammatico sinistro

E´ partita ufficialmente l´indagine per ricostruire la dinamica dell´incidente sul lavoro avvenuto la scorsa settimana e che, purtroppo, ha fatto registrare la morte dello studente modicano Emanuele Di Raimondo di sedici anni. In procura si è svolto quello che viene chiamato accertamento tecnico irripetibile che ha portato alla nomina di un consulente tecnico d´ufficio, che dovrà stabilire le cause del drammatico sinistro.

E´ stato conferito incarico all´ingegnere Pietro Munzone che ha già fissato per mercoledì pomeriggio l´inizio delle operazioni peritali. Si andranno prima a verificare il trattore e il carrello, tuttora sotto sequestro, che si stavano utilizzando lo scorso 19 luglio, e poi si farà il sopralluogo sul posto dove è successa la disgrazia, ovvero l´appezzamento di terreno di proprietà dei nonni del giovane in Contrada Passogatta Cozzo Lupi.

E´ ufficialmente indagato per omicidio colposo il padre del ragazzo, Giorgio Di Raimondo, che ha incaricato per la sua difesa l´avvocato Enrico Platania del Foro di Ragusa, il quale parla di un´imputazione molto astratta. Lo stesso difensore si è riservato circa la nomina di un eventuale consulente tecnico di parte. E´ chiaro che la tragedia che ha colpito la famiglia dello studente mette in abbondante secondo piano l´ipotesi di reato ma ovviamente la giustizia deve fare il suo corso.

Secondo la prima ricostruzione fatta dagli agenti del Commissariato, padre e figlio stavano lavorando con trattore e carrello per caricare su quest´ultimo alcuni pesantissimi sacchi di cereale. Probabilmente una manovra sbagliata di Giorgio Di Raimondo, magari l´errore di individuazione di una leva di movimento del mezzo agricolo, ha irrimediabilmente provocato l´abbassamento dei «bracci» che avrebbero schiacciato la testa del minore. Il decesso, pare, sia avvenuto istantaneamente.