Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 745
MODICA - 28/06/2011
Cronache - Si tratta di due coniugi di Rosolini

Marito e moglie ladri di gasolio arrestati e condannati

Le manette erano scattate per furto aggravato

Marito e moglie, entrambi incensurati, s’improvvisano ladri di gasolio. La coppia è stata arrestata e condannata. Si tratta di due coniugi di Rosolini ammanettati dai carabinieri e già processati per direttissima. Il giudice li ha condannati a quattro mesi di carcere ciascuno e 120 euro di multa. Le manette erano scattate per furto aggravato.

La coppia era stata sorpresa all’interno della proprietà di un imprenditore modicano mentre era intenta ad asportare il gasolio contenuto in un camion parcheggiato nel cortile dell’abitazione, sita alla periferia di Modica. I proprietari del veicolo, accortisi fortuitamente di quanto stava accadendo, hanno immediatamente allertato la caserma di via Resistenza partigiana che ha subito provveduto ad inviare la pattuglia dell’Aliquota radiomobile. I militari sono riusciti a bloccare la coppia che, nel frattempo, aveva già riempito un paio di taniche di gasolio pronte per essere caricate sulla loro autovettura.

Gli accertamenti effettuati dai Carabinieri sulla scena del furto hanno poi permesso di recuperare subito altri 70 litri di gasolio che i ladri avevano nascosto con cura nei pressi di un distributore di benzina di corso Umberto I a Modica, dove si sarebbero recati con il gasolio appena rubato, per poi darsi alla fuga a bordo della loro auto. In totale sono 105 i litri di carburante rubati dalla coppia e restituiti subito dopo ai legittimi proprietari. L’uomo era stato rinchiuso nel carcere a Modica Alta, mentre la moglie era stata sottoposta ai domiciliari nell’abitazione di Rosolini. I due coniugi, dopo il processo direttissimo e la conseguente condanna, sono entrambi tornati liberi.