Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1056
MODICA - 21/06/2011
Cronache - Prime sentenze per la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani a Modica

Gestione rifiuti: 3 anni e 4 mesi a Giuseppe Busso

Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Saverio La Grua e Rosario Pennisi
Foto CorrierediRagusa.it

Prime sentenze per la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani a Modica. Il gup ha giudicato con il rito abbreviato tre imputati che dovevano rispondere dei reati di abuso d’ufficio, peculato e frode in pubbliche forniture, sulla base delle prove raccolte dalle Fiamme gialle per fatti risalenti al 2007 e ai primi mesi del 2008, per complessivi 18 episodi contestati.

Si tratta di Giuseppe Busso (foto) e Vera Squadrito, titolari dell’associazione temporanea d’imprese Busso – Ecosì, e del dipendente comunale Clemente Amore. Busso è stato condannato per alcuni episodi a tre anni e quattro mesi di carcere, mentre Squadrito e Amore sono andati assolti. Anche Busso è stato assolto dal peculato in riferimento ad una somma extra ricevuta dal comune per l’operazione di spazzamento straordinario delle strade dopo Eurochocolate. Busso è stato altresì assolto dal reato di abuso d’ufficio in riferimento alla presunta mancanza di requisiti dell’azienda per potersi assicurare l’appalto del servizio di gestione dei rifiuti.

Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Saverio La Grua e Rosario Pennisi, che hanno già preannunciato ricorso in appello avverso la sentenza del gup Patricia Di Marco. Saranno invece processati con il rito ordinario al tribunale di Modica l’allora dirigente del settore ecologia Maria Nero e colei che la sostituì nell’incarico, vale a dire Anita Portelli. Rito ordinario anche per il dipendente di settore Virgilio Polara e per Salvatore Vindigni, l’ingegnere responsabile del settore.