Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 524
MODICA - 05/06/2011
Cronache - Nel corso dei servizi di controllo della Guardia di finanza

Pesca di frodo: sequestrati 2 mila 500 ricci di mare

I 3 pescatori abusivi, tutti di Catania, sono stati denunciati Foto Corrierediragusa.it

Una pattuglia di finanzieri ha sequestrato ben 2 mila 500 ricci di mare (foto). Le fiamme gialle avevano effettuato un controllo nei confronti gli occupanti di una autovettura che trainava un carrello con un natante da diporto al seguito.

Nel corso del controllo, nascosti fra le intercapedini dell’imbarcazione, venivano rinvenuti i 2 mila 500 ricci di mare pescati di recente, nonché l´attrezzatura utilizzata per la pesca di frodo (bombole d’ossigeno, mute subacquee, coppi ed altro).

Considerato che attualmente risulta in vigore il divieto della pesca dei ricci di mare che è iniziato il 1° maggio e terminerà il 30 giugno sia per i pescatori professionisti sia per i pescatori sportivi e si incorre anche nell’applicazione di sanzioni amministrative, oltre al sequestro del pescato e delle attrezzature, i militari accompagnavano i responsabili, 3 persone residenti nel catanese, negli uffici della Tenenza di Modica, ove si procedeva al sequestro dell’attrezzatura subacquea e dei ricci di mare, che, essendo ancora vivi, venivano rigettati a mare nella stessa giornata, allo scopo di soddisfare l’esigenza di conservazione della biodiversità soprattutto in questo periodo di fermo biologico, necessario per il ripopolamento delle specie protette.

I tre pescatori di frodo, sorpresi in flagranza, sono stati segnalati all’Autorità marittima competente. Sono state contestate altresì violazioni amministrative per oltre 9 mila euro. L’operazione si inserisce nell’attività di vigilanza e controllo in materia di pesca marittima che svolge il Corpo in sinergia con tutte le altre Forze di Polizia prima fra tutte la Capitaneria di Porto. I controlli continueranno serrati a salvaguardia dell’ecosistema marino e del rispetto delle norme in vigore.