Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 784
MODICA - 21/04/2011
Cronache - Modica: il provvedimento del dirigente scolastico Inclimona per fare chiarezza

Bulli al plesso S. Teresa, avviata indagine interna

La vicenda del bambino di 8 anni pestato nei bagni durante gli orari di lezione

Una indagine interna è stata avviata dal dirigente scolastico della scuola elementare di Modica Alta dove lunedì scorso si è verificato un presunto caso di bullismo, con un bambino di 8 anni pestato nei bagni durante gli orari di lezione. L’aggressione si è registrata nella sede staccata di Santa Teresa del plesso De Amicis.

Dal referto medico stilato al pronto soccorso dell’ospedale «Maggiore» emergerebbero contusioni alla gamba, al braccio e alla spalla e trauma facciale. Il bimbo sarebbe stato preso a calci e pugni da altri tre studenti di altrettante differenti classi, come denunciato dal padre della piccola vittima, che, comunque, non ha fatto i nomi dei presunti aggressori. Si tratterebbe di alunni di classi differenti. Mentre il bimbo aggredito frequenta la seconda classe, coloro che lo avrebbero picchiato sarebbero della terza, quarta e quinta classe, quindi più grandi.

Dovrebbe trattarsi di bambini di età compresa tra i 9 e i 12 anni, anche se non è escluso che tra il terzetto di presunti aggressori possa esserci un ripetente. Il dirigente scolastico Ignazio Inclimona, informato della vicenda dallo stesso padre della piccola vittima, ha avvertito il commissariato, avviando una indagine interna per accertare i fatti e risalire all’identità dei presunti aggressori.

A questo proposito il preside ha sentito ieri pomeriggio gli insegnanti e il personale scolastico. La relazione sarà stilata nei prossimi giorni e consegnata alla polizia. A nessun alunno è consentito lasciare l’aula durante le lezioni, se non uno per volta. Ecco perché è ipotizzabile che i presunti aggressori facessero parte di classi differenti, usciti in contemporanea dalle rispettive aule per andare in bagno.

Per la prossima settimana il dirigente Inclimona ha già fissato un incontro anche con il genitore del bambino picchiato. Non sarebbe la prima volta che nel plesso, composto da sette classi, si verificano battibecchi tra i circa 150 alunni. Ma non era mai accaduto che un alunno venisse picchiato nei bagni per motivi da accertare. La piccola vittima avrebbe comunque riferito al padre d’essere già stato deriso in passato, forse da altri compagni.