Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 500
MODICA - 01/04/2011
Cronache - Modica: potrebbe trattarsi di un eritreo o di un somalo

Trovato il secondo cadavere di un migrante in 24 ore

A differenza del primo sventurato riconsciuto grazie ai documenti, questo non aveva niente addosso. Si provvederà al riconoscimento tramite il dna
Foto CorrierediRagusa.it

Due profughi trovati morti in 24 ore. E’ stato reso irriconoscibile dalla lunga permanenza in acqua il cadavere del giovane migrante tra i 19 e i 23 anni restituito stamani dal mare nel tratti di scogliera tra Marina di Modica e Maganuco. Si tratta, come accennato, del secondo morto ritrovato in 24 ore e il dirigente della Squadra mobile Francesco Marino, che sta conducendo le indagini, auspica che possa essere l’ultimo, anche se l’ipotesi di ulteriori, macabri ritrovamenti non può purtroppo essere esclusa a priori.

Un’ampia porzione di mare è stata battuta palmo a palmo in queste ore da una motovedetta della Guardia costiera. E’ stato nel frattempo accertato che questo migrante ritrovato stamani e quello rinvenuto morto ieri facevano parte del maxi sbarco di circa 500 profughi di lunedì notte al largo di Punta Regilione. I due cadaveri sono difatti stati trascinati a riva dalla corrente nei pressi della zona del maxi sbarco. Dagli interrogatori è poi emerso che almeno tre disperati si erano gettati in mare ben prima che il barcone di legno s’incagliasse sugli scogli, ribaltandosi. Due di loro, come purtroppo accertato dai drammatici eventi, non ce l’hanno fatta a raggiungere a nuoto la riva.

A differenza del corpo del migrante di ieri, un eritreo di 23 anni identificato grazie ai documenti trovatigli addosso dagli investigatori, il cadavere ritrovato nelle prime ore del mattino di oggi era privo di documenti d’identità. All’obitorio di Pozzallo, dove il cadavere si trova adesso in attesa della sepoltura, così come quello dell’altro sfortunato migrante, si procederà all’estrazione del Dna per tentare il riconoscimento. A parte l’accertamento della giovane età, è presumibile che il cadavere sia di un eritreo o di un somalo.