Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 787
MODICA - 30/03/2011
Cronache - Modica: furti a ripetizione nella frazione rivierasca

A Marina di Modica, abitazioni scassinate con il flex

In certi casi i ladri si sono dovuti accontentare di qualche utensile o elettrodomestico di poco valore, a riprova del fatto che non si tratta di certo di ladri professionisti

Allarme recrudescenza furti in abitazione a Marina di Modica. Ladri scalcagnati alla ricerca di un improbabile bottino si sono in questi giorni dedicati a scassinare le porte o le finestre d’ingresso delle case di villeggiatura della frazione marinara. Vana la speranza di ricavare un bottino degno di tal nome. Spesso i malviventi se ne sono dovuti andare via a mani vuote, essendo le case arredate con poche suppellettili.

In certi casi i ladri si sono dovuti accontentare di qualche utensile o elettrodomestico di poco valore, a riprova del fatto che non si tratta di certo di ladri professionisti. I malviventi sono però persone del posto, che conoscono bene la zona. Con questi furti, quindi, pare che gli immigrati non c’entrino. Almeno non si dovrebbe trattare dei clandestini arrivati con gli ultimi sbarchi e che si sono poi allontanati dal centro di prima accoglienza del vicino porto di Pozzallo.

I proprietari delle case «visitate» dai ladri non hanno difatti trovato i letti disfatti o altri segnali di pernottamento. Chi è entrato nelle loro abitazioni era solo interessato ad alleggerirle di cose di valore. Ma proprio perché le case prese di mira non contenevano nella maggior parte dei casi oggetti d’interesse dei ladri, in pochi hanno sporto denuncia alla polizia o ai carabinieri, limitandosi invece a ricorrere al fabbro per riparare le porte o le finestre rotte dai ladri.

In parecchi casi è stato utilizzato un trapano o un flex per rompere le finestre o scardinare la serratura delle porte. Poche abitazioni sono al momento sfuggite alle attenzioni dei ladri, che, a quanto pare, si sono concentrati nell’area di Punta Regilione, di norma più deserta rispetto al resto della frazione marinara.

I ladri, evidentemente, ben sapendo di non poter contare su bottini consistenti, preferiscono almeno correre meno rischi possibile d’essere scoperti. E finora ci sono riusciti. A nulla sono valse le segnalazioni dei residenti alle forze dell’ordine, dal momento che i ladri sono sempre riusciti a farla franca.