Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 613
MODICA - 18/02/2011
Cronache - Modica: la richiesta del procuratore Francesco Puleio

Casa Ciriga, citazione a giudizio per la moglie di Lombardo

Si tratta di Saveria Grosso, alla quale l’immobile abusivo, che resta sotto sequestro, è intestato

Citazione diretta a giudizio per Saveria Grosso, moglie del presidente della Regione Raffaele Lombardo, da parte della procura di Modica per la vicenda della casa abusiva che sorge sulla spiaggia di Cirica, tra Marina Marza e Santa Maria del Focallo, di cui si è occupata la Cassazione. Le indagini sono state chiuse e il procuratore Francesco Puleio ha avanzato richiesta di rinvio a giudizio per Saveria Grosso, alla quale l’immobile, che resta sotto sequestro, è intestato. Dinanzi ai giudici dovranno comparire anche il direttore dei lavori e il legale rappresentante della ditta che li ha eseguiti.

I sigilli alla casa erano stati apposti dai carabinieri su decisione dello stesso procuratore Puleio, il quale aveva ipotizzato un abuso edilizio su un immobile comunque già «sanato» e in riferimento al quale ha adesso disposto la citazione diretta della moglie di Lombardo, difesa dall’avvocato Salvatore Poidomani. La casa, edificata a meno di 120 metri dalla battigia, limite minimo consentito dalla legge, si estende su 70 metri quadri. Già in passato l´immobile , in origine di proprietà dello stesso Lombardo, che poi lo donò alla moglie, era stato sottoposto a sequestro.

«Mia moglie lasciamola in pace», ha dichiarato Lombardo all’Ansa dopo aver saputo della citazione diretta a giudizio della moglie da parte della procura delle Repubblica di Modica. L’avvocato Poidomani aveva fatto sapere che «Il fedele recupero del piccolo immobile è avvenuto dopo avere seguito un iter amministrativo durato quasi quindici anni». Lo stesso Lombardo, in una dichiarazione pubblicata sul suo blog, aveva ribadito che «La casetta, quando fu edificata, rispettava il limite minimo imposto dalla legge. Poi – aveva concluso Lombardo – l’erosione costiera aveva avvicinato il mare all’immobile». Il presidente della Regione ha di nuovo promesso una sorta di «tour guidato» per dimostrare con i fatti la sua tesi.