Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 1021
MODICA - 15/01/2011
Cronache - Modica: intercettazione ambientale di domenica, quando la sede del comune è deserta

Processo "Modica bene": dvd vuoti e inutilizzabili

Come ha sottolineato Carlo Tomaselli, della polizia postale di Reggio Calabria, incaricato di controllare i supporti

Una intercettazione ambientale compiuta di domenica, quando la sede del comune è deserta perché chiusa, e un’altra intercettazione effettuata oltre i termini concessi nell’ambito dell’inchiesta. Due fatti assolutamente inusuali, che hanno gelato i presenti in aula, emersi nell’ultima udienza del processo «Modica bene», incentrata sull’audizione del perito nominato d’ufficio, che ha confermato l’inutilizzabilità dei dvd contenenti i brogliacci delle indagini, il cui danneggiamento era stato già evidenziato dalla difesa.

I dischi risultano illeggibili, se non addirittura vuoti, come ha sottolineato Carlo Tomaselli, della polizia postale di Reggio Calabria, incaricato di controllare i dvd. Lo stesso perito, rispondendo per oltre due ore alle domande del procuratore Francesco Puleio, non si spiega come mai non si sia proceduto, nell’ambito delle indagini, al controllo di routine dei dvd sui quali era stato masterizzato il contenuto delle intercettazioni e che, nei fatti, non riuscì. Peraltro, le intercettazioni furono cancellate dalla memoria centrale dei dispositivi utilizzati per procedere in questo senso e poi restituiti alla società che noleggia questo genere di apparecchiature alle procure.

La domanda resta: come mai gli investigatori non si accorsero a suo tempo dell’eventuale malfunzionamento dei supporti e non procedettero ad una nuova masterizzazione dei dati, prima di cancellare il contenuto della memoria centrale? Alla nomina del perito si era opposto il procuratore capo Francesco Puleio, secondo cui i dvd non dovevano essere messi a disposizione del collegio difensivo. Puleio, di conseguenza, aveva invece premuto per arrivare subito alla discussione del procedimento. A questo punto, otto dei 18 imputati hanno optato per il giudizio abbreviato.

Tra questi l’on Giuseppe Drago e l’ex sindaco di Modica Piero Torchi, che aveva già mesi fa preannunciato l’intenzione di scegliere questo rito alternativo. Sul banco degli imputati, oltre ai già citati Drago e Torchi, anche l´ex assessore al bilancio Carmelo Drago, il segretario provinciale Udc Giancarlo Floridia e il consigliere provinciale Vincenzo Pitino, detto ´Nzuliddu. E poi ancora quattro collaboratori del gruppo di vertice dell´Udc locale: i fratelli Bruno e Massimo Arrabito, Massimo La Pira, Gabriele Giannone, Carlo Fiore e gli imprenditori edili Giuseppe Sammito e Giuseppe Zaccaria. Imputati anche Giancarlo Francione, Marcello Sarta, Rosario e Giovanni Vasile, Vincenzo Leone, Giorgio Aprile e Giuseppe Piluso. Gli imputati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla concussione e al riciclaggio di denaro. Prossima udienza a marzo.