Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 874
MODICA - 12/01/2011
Cronache - Modica: contrasto della polizia municipale all’abusivismo commerciale

Immigrati con le bancarelle al corso, piazza pulita

Ai quattro stranieri, che avevano installato le loro chilometriche bancarelle lungo il tratto iniziale di corso Umberto I, sono state comminate sanzioni per 308 euro ciascuno

Quattro ambulanti abusivi, due immigrati del Bangladesh e altrettanti marocchini, sono stati sorpresi a vendere bigiotteria, accessori e abbigliamento, nonostante fossero sprovvisti delle necessarie autorizzazioni alla vendita. Ai quattro immigrati, che avevano installato le loro chilometriche bancarelle lungo il tratto iniziale di corso Umberto I, sono state comminate sanzioni per 308 euro ciascuno. La merce è stata invece sequestrata e depositata al comando della polizia municipale, in attesa che il sindaco decida cosa farne.

Ancora sequestri e sanzioni quindi contro l’abusivismo commerciale. Dopo le Fiamme gialle, anche i vigili urbani hanno controllato il centro storico. Nonostante il numero risicato di uomini a disposizione, il comandante Giuseppe Puglisi si sta adoperando per garantire il rispetto della legalità. «Abbiamo dato corso – spiega il comandante Giuseppe Puglisi – ad un’operazione importante volta a liberare i marciapiedi del salotto buono di Modica dai venditori ambulanti abusivi, che piazzano le bancarelle in dispregio delle norme che regolano la vendita ambulante e, quindi, senza nessuna autorizzazione, creando anche disagi ai pedoni e, soprattutto, ai commercianti regolari del corso».

Il servizio proseguirà anche nei prossimi giorni e sarà esteso ad altre zone, nonostante i disagi del corpo per via della carenza di personale, sempre più ridotto all’osso, visto che in questi giorni si dovrà fare a meno di altre quattro unità, destinate al pensionamento. L’organico conta su circa 40 unità rispetto alle 105 che sarebbero come minimo necessarie in base al territorio comunale da coprire e alla densità di popolazione.