Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 794
MODICA - 09/01/2011
Cronache - Modica: vittima un professionista di 62 anni che lavora nel reparto di otorino del Maggiore

Scontro auto-moto: il casco salva la vita al centauro

L’impatto tra i due mezzi si è verificato poco dopo mezzogiorno all’incrocio di contrada Serrapero

Il casco si spacca in due a causa del violento urto ma gli salva la vita. Un professionista modicano, C.P., 62 anni, medico nel reparto di otorino al Maggiore di Modica, ha riportato tuttavia alcune fratture nel violento impatto contro una Yaris alla cui guida si trovava una donna, R.R., 68 anni. L’impatto tra i due mezzi si è verificato poco dopo mezzogiorno all’incrocio di contrada Serrapero da dove il professionista proveniva a bordo della sua Honda 750.

Il motociclista si è accorto del sopraggiungere della Yaris ed ha cercato di evitare l’impatto con l’utilitaria che proveniva dalla sinistra; inevitabile tuttavia l’impatto visto che l’utilitaria si trovava al centro della carreggiata. Nell’impatto la peggio è stata per il medico che è scivolato sull´asfalto per alcuni metri ed ha finito la sua corsa contro la fiancata della Yaris; per l´effetto dell´impatto il casco si è addirittura spezzato in due punti.

Il motociclista è stato subito soccorso da un medico che seguiva la Yaris che ha dato subito l´allarme. Sul posto una ambulanza del 118 che ha trasportato C.P. al Maggiore.

Il professionista è stato operato nel primo pomeriggio per fratture ad entrambe le braccia, di cui una scomposta, ed al perone. Ne avrà per 45 giorni. Illesa, ma in stato di choc, la donna. Sul posto i vigili urbani e una pattuglia del commissariato che ha regolamentato il traffico. L’incrocio di contrada Serrapero è stato spesso teatro di incidenti, di cui uno mortale, per mancate precedenze nonostante sia segnalato in modo evidente.