Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 747
MODICA - 08/01/2011
Cronache - Modica: fissata l’udienza preliminare

Auto contro trattore, muore una donna. Il processo

Per Concetta Savarino, 36 anni, di Modica, che viaggiava sul sedile passeggero, non ci fu nulla da fare

Lasciò il trattore parcheggiato ai bordi della strada, all’imbocco di una curva nei pressi di Cava d’Ispica. Un uomo al volante della sua auto non si accorse del mezzo agricolo e vi si schiantò. Per la moglie, Concetta Savarino, 36 anni, di Modica, che viaggiava sul sedile passeggero, non ci fu nulla da fare. Adesso il proprietario del trattore, Giorgio Solarino, 35 anni, difeso dall’avvocato Salvo Maltese, dovrà comparire dinanzi al giudice delle udienze preliminari il prossimo sette aprile, per rispondere di omicidio colposo. La stessa accusa pende anche a carico del marito della vittima, Emanuele Cicero Santalena, coimputato nel procedimento a porte chiuse.

Le parti offese sono i tre figli della coppia, di 12, 8 e 3 anni, per i quali è stata nominata curatrice l’avvocato Gabriella Olivieri, pronta a costituirsi in giudizio tramite l’avvocato Bartolo Iacono. Parti offese anche i genitori e i fratelli della donna deceduta. L’incidente mortale si verificò il 2 dicembre 2008. Pare che l’agricoltore avesse parcheggiato il trattore proprio all’imbocco della curva, per cause di forza maggiore. Il mezzo agricolo avrebbe difatti avuto un guasto.

Ma pare che la presenza del trattore non fosse stata adeguatamente segnalata con il triangolo d’emergenza, che andava posizionato qualche decina di metri prima lungo la strada. Per il marito della donna era stata avanzata richiesta di giudizio abbreviato, che il magistrato ha rigettato in accoglimento della richiesta del procuratore Francesco Puleio.