Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1187
MODICA - 02/12/2010
Cronache - Modica: il processo a carico di Roberto Russino

Carrozziere ladro di elettricità? Più di un dubbio in aula

Dalle testimonianze è emerso che l’imputato non avrebbe avuto alcun interesse a commettere il reato

Si attenua in aula la posizione del carrozziere di 43 anni di Scicli accusato di furto di energia elettrica, tramite il presunto allaccio abusivo al contatore del vicino, con l’utilizzo di un cavo. Dalle testimonianze è emerso che Roberto Russino, imputato nel procedimento, non avrebbe avuto alcun interesse a commettere il reato, che, come ipotizzato dal difensore, l’avvocato Pino Pitrolo, potrebbe essere stato perpetrato da terzi, visto che il magazzino dov’è installato il contatore risulta di facile accesso. La circostanza è stata confermata anche dalla parte offesa, costituitasi parte civile.

Un dipendente di Russino ha dichiarato in aula che le attrezzature dell’autocarrozzeria del quartiere Jungi sono tutte allacciate al contatore del locale, che dispone peraltro di una potenza di ben 35 chilowatt, bastevole alle esigenze di lavoro. L’aumento della bolletta dell’elettricità di 352 euro rispetto allo scorso anno è stato giustificato con l’aumento delle tariffe da parte dell’Enel. Il processo si concluderà il 21 dicembre. Nel frattempo l’imputato è tornato libero dopo la convalida dell’arresto.