Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:40 - Lettori online 1398
MODICA - 02/12/2010
Cronache - Modica: il procedimento di secondo grado in corso a Catania

Crollo teatro Garibaldi, chiesta la prescrizione in appello

In primo grado i sei imputati furono condannati a 8 mesi ciascuno

La richiesta di prescrizione è stata avanzata dal pubblico ministero nel processo di secondo grado in corte d’appello a Catania sul crollo del plafond centrale del teatro comunale «Garibaldi», verificatosi all’alba del 12 giugno 2001. I difensori dei sei imputati condannati in primo grado a otto mesi di carcere ciascuno, puntano invece all’assoluzione con formula piena, ribaltando in tal modo le sentenze emesse nel marzo 2007 dall’allora giudice del tribunale di Modica Giovanna Scibilia.

La condanne furono inflitte all’allora ingegnere capo dell’ufficio tecnico comunale Giuseppe Garaffa, che accertò il buon esito dei lavori; al direttore dei lavori Giorgio Sarta e ai progettisti Giorgio e Vincenzo Rizza, che, stando alle indagini, procedettero alla ristrutturazione dello stabile senza attenersi del tutto alle direttive imposte dalla sovrintendenza ai beni culturali ed ambientali. Condanna ad 8 mesi anche per l’artigiano Giorgio Modica, che si occupò dell’installazione delle cornici in gesso, e per Giovanni Agosta, titolare dell’impresa che eseguì i lavori di restauro e ristrutturazione del teatro. I giudici etnei hanno fissato la prossima udienza al 25 febbraio 2011.