Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1072
MODICA - 24/11/2010
Cronache - Modica: il processo per direttissima

Condannate le 2 ragazze con la droga nel reggiseno

Alessandra Fumia, 18 anni, di pozzallo, ha patteggiato un anno e 4 mesi. Un anno di carcere per la palermitana Claudia Mabel Bellomo, di 19 anni Foto Corrierediragusa.it

Patteggiamento della pena e remissione in libertà per le due ragazze appena maggiorenni sorprese dai carabinieri la scorsa settimana con circa 12 grammi di eroina e cocaina nascosti nel reggiseno. Alessandra Fumia e Claudia Mabel Bellomo, di 18 e 19 anni, la prima di Pozzallo, l’altra palermitana, sono comparse ieri dinanzi al giudice Lucia De Bernardin per il processo direttissimo. La Fumia ha patteggiato un anno e 4 mesi di carcere e 8mila euro di multa.

Per la Bellomo il giudice ha invece applicato un anno di reclusione e 3mila euro di multa. Entrambe le imputate hanno beneficiato della sospensione condizionale della pena, con la conseguente revoca dei domiciliari. Le due imputate erano difese dall’avvocato Raffaele Pediliggieri, che ha concordato le pene con il pm Veronica Di Grandi, che non si è opposto al patteggiamento. Mentre la Fumia era già nota per un piccolo precedente di droga, la Bellomo era incensurata, e per questo il giudice ha applicato una pena più mite.

LE RAGAZZE CON LA DROGA NEL REGGISENO
Anche le ragazze spacciano droga, con il vantaggio di poterla nascondere nel reggiseno. Alessandra Fumia, 18 anni, di pozzallo, e la palermitana Claudia Mabel Bellomo, di 19, nonostante la giovane età, s’improvvisavano corrieri di cocaina ed eroina dal capoluogo isolano a Pozzallo. La Fumia, peraltro, è recidiva, essendo stata colta in flagranza un mese fa e condannata nel processo per direttissima a otto mesi di reclusione, pena sospesa. La ragazza, subito scarcerata, non aveva perso tempo nel rimettersi «in affari» con la «socia» Bellomo, che sapeva dove reperire a Palermo la droga da portare poi ne comprensorio modicano per spacciarla.

E proprio a Modica le due ragazze sono incappate in un posto di controllo dei Carabinieri giovedì scorso. Inutile il tentativo di nascondere la droga. Una delle due ragazze ha addirittura gettato sotto il sedile posteriore dell’auto dei Carabinieri un involucro con dieci grammi di coca. Una mossa che non è ovviamente passata inosservata.

La Bellomo, invece, nascosti nel reggiseno teneva un grammo di cocaina avvolto nel cellophane, un foglio di carta ripiegato con una dose di cocaina ed un fazzolettino con frammenti di eroina. A questo punto Alessandra Fumia ha consegnato spontaneamente ai militari una dose di eroina.

Nella foto il tribunale di Modica, dove è stato celebrato il processo per direttissima