Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1306
MODICA - 17/11/2010
Cronache - Modica: tre i cittadini rumeni denunciati dagli agenti del commissariato

Modica: furto simulato di auto con fuga finale

Il più giovane dei tre è fuggito al fermo della polizia dileguandosi per il centro storico

Simulano un furto e coprono la fuga di un loro amico. Per I.P., 25 anni, e I.F., 23 anni, coniugati, residenti nel centro storico è scattata la denuncia degli agenti del commissariato mentre S.C.S., 19 anni, al momento irreperibile,è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

I tre sono di nazionalità rumena e risiedono da tempo in Italia. La vicenda risale allo scorso settembre quando nella parte alta di corso Umberto è stato segnalato un incidente stradale autonomo. Quando i vigili urbani e gli agenti del commissariato sono arrivati sul posto non hanno tuttavia trovato il conducente dell’autovettura avendo questi abbandonato la macchina con le chiavi inserite nel cruscotto facendo perdere le sue tracce.

Gli agenti hanno successivamente identificato il conducente in I.P. pregiudicato per reati di carattere ambientale. Presso il commissariato si sono successivamente recati i due giovani coniugi rumeni che hanno denunciato il furto della macchina. Gli accertamenti della polizia hanno tuttavia fatto emergere alcune contraddizioni; la macchina inoltre è risultata sprovvista di assicurazione ed all’interno sono stati trovati alcuni atti giudiziari riguardanti proprio I.P.

Da successivi accertamenti è emerso che il giovane era stato arrestato qualche giorno prima a Messina e poi posto in stato di libertà. I due coniugi a questo punto hanno ammesso la loro responsabilità e cioè di avere simulato il furto perché la macchina non era assicurata e per garantire la copertura al loro connazionale.

I.P. inoltre è stato individuato subito dopo l’incidente da un vigile urbano che ha inseguito il giovane e lo ha sboccato in piazza Municipio. I.P. tuttavia è riuscito a divincolarsi e si è reso sin da allora irreperibile.