Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 592
MODICA - 05/11/2010
Cronache - Modica: le manette sono scattate per Gianluca Nanì, 29 anni

La droga nelle mutande, arrestato pusher "scaltro"

L’uomo utilizzava un minaccioso cane per tenere alla larga le forze dell’ordine o qualche curioso Foto Corrierediragusa.it

Andava in giro con una cane di grossa taglia e con 31 dosi di hashish nascoste negli slip. La «carriera» di spacciatore è durata poco per Gianluca Nanì (nella foto), 29 anni, disoccupato, residente nel quartiere Sacro Cuore. Nanì avrebbe spacciato in piazza Campailla, nel cuore del centro storico, utilizzando il minaccioso cane per tenere alla larga le forze dell’ordine o qualche eventuale curioso.

Dalla perquisizione personale sono saltati fuori droga e soldi, ritenuti essere dai poliziotti provento dell’attività di spaccio. Nanì, ritenendosi scaltro, aveva nascosto le dosi nelle mutande, nel vano tentativo di eludere eventuali controlli.

Le manette sono scattate mercoledì scorso, quando l’uomo si era accorto d’essere pedinato dai poliziotti in borghese. Dopo aver incontrato in piazza Campailla un paio di assuntori già noti alle forze dell’ordine, Nanì si era allontanato con il cane, mettendosi al volante della propria auto e cercando di fare perdere le tracce nel caotico traffico veicolare dell’ora di punta in centro. Un tentativo vano perché, capita l’antifona, i poliziotti hanno tagliato la strada a Nanì, bloccandolo in via Nazionale e conducendolo al vicino commissariato.

Il magistrato di turno, sentito il parere del procuratore capo Francesco Puleio, ha successivamente convalidato l’arresto, disponendo il mantenimento della custodia cautelare in carcere per Nanì. Il giovane si trova dunque rinchiuso nel carcere di Modica Alta con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio.