Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 995
MODICA - 26/10/2010
Cronache - Modica: la dirigente scolatica rassicura sul fatto che è tutto sotto controllo

Due casi di scabbia tra gli alunni del plesso "Albo"

Da sabato la gran parte dei bambini frequentanti hanno disertato le lezioni

Ci sono due casi di scabbia ed i genitori non mandano i figli a scuola. Succede al plesso di via Cincinnato della Giacomo Albo dove da sabato la gran parte dei bambini frequentanti hanno disertato le lezioni. Ieri solo tre risultavano presenti visto che i genitori hanno deciso di non correre rischi in attesa che la situazione igienico sanitaria nel plesso sia chiarita. Il caso è stato segnalato alla dirigente scolastica, Fernanda Grana, che in un incontro avuto con i genitori, ha manifestato l’intenzione di chiudere il plesso perché sia avviata la disinfestazione da parte delle autorità sanitarie. Il caso si è posto quando due alunni, frequentanti la quinta e la terza classe, hanno accusato sintomi tipici dovuti a scabbia quale ad esempio un forte prurito. Nonostante i sintomi si siano evidenziati già da settimane i due fratelli hanno continuato a frequentare le lezioni anche se, alla luce degli accertamenti svolti successivamente, non avrebbero dovuto stare in un ambiente chiuso e a contatto con altri bambini.

I genitori degli alunni frequentanti sono venuti a conoscenza dei due casi di scabbia, anche perché accertati dal medico di base, ed hanno chiesto alla scuola di provvedere al più presto lamentando anche il fatto di non essere stati messi in preallarme. I genitori temono infatti che l’infezione possa essere stata trasmessa e sia intanto in fase di incubazione; i rappresentanti di classe hanno quindi chiesto che la scuola intervenga con uno screening delle classi interessate perché sia esclusa del tutto la presenza degli acari che determinano l’infezione. Poi la decisione presa dalle famiglie di non mandare i figli a scuola fino a che la scuola non adotterà i provvedimenti del caso e l’autorità sanitaria interverrà con le misure profilattiche che si impongono in casi del genere.