Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 936
MODICA - 21/10/2010
Cronache - Modica: scontro tra 3 auto ieri lungo il viadotto Guerrieri

Incidente con 2 donne ferite sul ponte, Modica bloccata

Il problema è sempre uno: mancano le vie di fuga

Chi si è trovato ieri mattina impantanato nel caotico traffico, vedendosi magari costretto ad arrivare in ritardo al lavoro o altrove, si sarà di certo chiesto, sacramentando, che cosa fosse successo. Ed in effetti qualcosa era accaduto davvero: un incidente stradale con due donne ferite, per fortuna in maniera non grave, sul ponte Guerrieri. Due auto si sono scontrate lungo il viadotto, mentre una terza ha tamponato uno dei mezzi coinvolti nello scontro. L’incidente ha interessato una Opel, una Citroen e una Multipla.

Le due donne ferite, una modicana di 54 anni e una rosolinese di 24, sono state condotte al «Maggiore», dove i medici hanno diagnosticato pochi giorni di prognosi. Stavolta si è rivelato ben più grave non l’incidente in sé, quanto piuttosto l’effetto collaterale, con il traffico veicolare paralizzato per buona parte della mattinata.

Persino una camionetta dei vigili del fuoco di Modica che doveva recarsi a Ragusa per un intervento è rimasta bloccata tra le decine di auto in fila, da via Nazionale a via Risorgimento, passando per l’intero asse della ex statale 115, tra la prima rotatoria e l’area del Polocommerciale. Un fiume metallico di automezzi, con all’interno automobilisti spazientiti e carichi di stress già di buon mattino.

Una stato di cose che la dice fin troppo lunga sulla disastrosa situazione viaria di Modica, dove, in caso di calamità naturale, i residenti potrebbero fare la fine del topo, a fronte di vie di fuga praticamente inesistenti. Ma per centinaia di persone, l’inattesa e stressante coda mattutina che manda all’aria buona parte dei programmi di un’intera giornata, equivale già ad una mezza tragedia.