Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1338
MODICA - 06/10/2010
Cronache - Modica: era amministratore unico della società pubblica

Giurdanella si è ufficialmente dimesso dalla Multiservizi

Adesso tocca all’avvocato Salvatore Poidomani procedere alla liquidazione

L’avvocato Giovannino Giurdanella ha ufficialmente rassegnato le sue dimissioni da amministratore unico della società pubblica Modica Multiservizi, i cui rami d’azienda saranno trasferiti alla «Servizi per Modica S.r.l.», e alla «Sostare S.r.l.», con un capitale sociale rispettivamente di 10mila e 100mila euro. La prima si occuperà della gestione dei servizi strumentali, quali pulizia degli immobili comunali e scolastici e manutenzione dell’università.

L’altra società si occuperà dei servizi pubblici locali, con in primis la gestione dei parcheggi a pagamento, le cosiddette zone blu. Tutto questo al fine di raggiungere innanzitutto l’obiettivo dell’adeguamento normativo delle partecipate. Si trattava infatti di servizi che non potevano convivere, per legge, nella medesima struttura, entro il termine ultimo del 31 dicembre 2010. L’altro obiettivo primario consiste nel razionalizzare la gestione dei servizi in termini di risparmio per l’Ente, di efficienza per i cittadini e di tutela per il personale impiegato. Dopo un anno e un mese esatti, Giurdanella, entrato nella giunta comunale, passa quindi ufficialmente l’incarico di amministratore unico della Multiservizi all’avvocato Salvatore Poidomani, che ultimerà gli atti necessari alla liquidazione della società pubblica entro fine mese.

Il suo predecessore aveva risolto altri due problemi: l’incertezza dei rapporti economico-contabili col comune e l’inefficienza dei servizi a fronte del costo eccessivo dei contratti. Giurdanella aveva provveduto al riassetto societario, con la messa in mobilità di 9 lavoratori, altri 8 si erano licenziati, e la riduzione dei costi e dell’entità dei contratti stipulati con l’ente comune.