Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 901
MODICA - 30/09/2010
Cronache - Modica: lavori edilizi abusivi scoperti dalla polizia municipale

Voleva trasformare un tetto in terrazza, denunciato

Contemporaneamente è stata trasmessa comunicazione al Settore Urbanistica del Comune, alla Sovrintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali, all’Ufficio Provinciale del Genio Civile e all’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente per l’attivazione delle specifiche procedure amministrative

Due persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica per avere eseguito lavori edilizi abusivi. Nel corso dei servizi del Nucleo Operativo di Polizia Edilizia della Polizia Municipale, predisposti dal Comandante, Giuseppe Puglisi, è stato sottoposto a sequestro di polizia giudiziaria il piano sottotetto di un immobile ubicato in pieno centro storico, aarea sottoposta, tra l’altro, a vincolo paesaggistico, dove, al momento del controllo, erano in corso lavori di smantellamento della copertura di tipo tradizionale, con travi di legno e tegole, per la trasformazione a terrazza.

Dopo gli accertamenti, il Nucleo di Polizia Edilizia, ha proceduto al sequestro della parte interessata, denunciando il proprietario dell’immobile e l’esecutore dei lavori. Contemporaneamente è stata trasmessa comunicazione al Settore Urbanistica del Comune, alla Sovrintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali, all’Ufficio Provinciale del Genio Civile e all’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente per l’attivazione delle specifiche procedure amministrative di competenza.

«Manteniamo alto lo stato di guardia – dice il comandante Puglisi – su tutto il territorio con particolare attenzione al centro storico affinché l’assetto urbanistico della nostra città, patrimonio dell’Unesco, non sia stravolto da opere prive di autorizzazioni da parte degli organismi competenti.»