Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1120
MODICA - 25/09/2010
Cronache - Modica: preso in particolare di mira il quartiere del Santissimo Salvatore

Furti nel centro storico di Modica, lasciato al buio dall´Enel

E’ il caso, in questi giorni, di viale Medaglie d’Oro, dove i residenti si dicono fortemente preoccupati
Foto CorrierediRagusa.it

Furti in serie nel centro storico della città ai danni di locali commerciali e abitazioni private. I ladri vengono facilitati nelle loro «incursioni» dall’assenza di pubblica illuminazione nelle ore notturne. L’Enel, a causa del debito milionario maturato dal comune, ha da tempo deciso di spegnere l’illuminazione in varie zone del centro cittadino, individuandole a macchia di leopardo. E’ il caso, in questi giorni, di viale Medaglie d’Oro, dove i residenti si dicono fortemente preoccupati.

La zona è popolata soprattutto da anziani, che, in pratica, al calar della sera temono per la propria incolumità, privandosi anche di andare a fare la spesa, nel timore d’essere aggrediti al buio da malintenzionati, che, nella zona, non sono purtroppo mai mancati. Come se non bastasse, nella vicina via Carlo Papa (nella foto), al quartiere del Santissimo Salvatore, che fino a qualche giorno fa soffriva dello stesso problema, si sono registrati almeno una decina di furti in abitazione negli ultimi tre mesi. Gli ultimi in ordine di tempo si sono verificati ai danni di un’agenzia di marketing, nella cui sede i ladri si sono introdotti attraverso una finestra lucernario, portandosi via i personal computer e gli schermi lcd.

In una casa abitata da due anziani i ladri si sono introdotti invece da una finestra, mentre la coppia era in casa, portandosi via la pensione senza farsi scoprire. Tutto questo con il favore del buio, a causa della mancanza della pubblica illuminazione. E’ a questo punto palese che sono i cittadini a pagare le spese del contenzioso tra ente comune ed Enel per il debito accumulato negli anni. E gli unici a guadagnarci, finora, sono stati solo i ladri.