Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1307
MODICA - 10/09/2010
Cronache - Modica: rifiuti pericolosi e non solo

Discarica abusiva sulla Modica - Marina di Modica

L’area è stata sottoposta a sequestro
Foto CorrierediRagusa.it

Il Nucleo Operativo di Polizia Edilizia ed Ambientale, diretto dal Tenente Egidio Santaera, coadiuvato dagli Ispettori di Polizia Municipale Giuseppe Gintoli e Salvatore Muriana Triberio, nell’ambito delle operazioni di Vigilanza sul territorio, ha accertato che in località Puntare Scarse, nei pressi della Consorziale Fondo Marta Sparaceto, lungo la vecchia rteria che collega Modica a Marina di Modica, era stata realizzata una discarica abusiva a cielo aperto. Ignoti avevano occupano una superficie di 400 metri quadrati circa, con rifiuti di vario genere, molti dei quali pericolosi costituiti da eternit (serbatoio lesionato e lastre di ondulina ridotte in frantumi), elettrodomestici dismessi (frigoriferi, televisori); pneumatici in disuso, rifiuti di imballaggi vari (cassette per il confezionamento di prodotti ortofrutticoli in materiale plastico e in legno, cartoni ecc.), cataste di materiale inerte da demolizione, materassi; suppellettili vari.

Il sito – ove insiste il vincolo paesaggistico - è stato sottoposto a Sequestro preventivo di Polizia Giudiziaria, ai sensi dell’art. 321del c.p.p. ed è stato delimitato con paletti di ferro, filo metallico e fettuccia bicolore. Dell’operazione è stata trasmessa segnalazione al Sindaco ed al Dirigente del Settore Ecologia, per gli adempimenti di competenza, finalizzati alla bonifica dell’area e al ripristino delle condizioni di salubrità ambientale, ai sensi della vigente normativa.

«Stiamo proseguendo le attività d’indagine – sottolinea il comandante, Giuseppe Puglisi -, anche con frequenti appostamenti sui luoghi, al fine di individuare e perseguire penalmente i responsabili dell’incivile ed ignobile gesto, confermando, nonostante la carenza in organico di personale, che saranno intensificati i controlli atti a reprimere e contrastare questo tipo di malcostume, posto in essere da parte di gente senza scrupoli».

Cliccate sulle foto sotto per ingrandirle. Scatti di Massimiliano Garrone. TUTTI I DIRITTI RISERVATI - RIPRODUZIONE VIETATA