Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 748
MESSINA - 13/07/2010
Cronache - Messina: il procedimento in corso davanti alla seconda sezione penale

L´ex procuratore di Modica Platania sotto processo

Il 9 luglio scorso si è tenuta la prima udienza, occupata da una serie di acquisizione di atti del collegio da parte di accusa e difesa, tutto è stato poi aggiornato al 17 settembre prossimo Foto Corrierediragusa.it

Abuso d´ufficio. E’ l’accusa a che pende sull’ex procuratore di Modica Domenico Platania (nella foto) , adesso in pensione, nel processo che lo vede coinvolto a Messina davanti alla 2° Sezione penale del tribunale. La notizia è riportata sull’edizione di martedì di Gazzetta del Sud, nelle cronache regionali.

Il 9 luglio scorso si è tenuta la prima udienza, occupata da una serie di acquisizione di atti del collegio da parte di accusa e difesa, tutto è stato poi aggiornato al 17 settembre prossimo. La vicenda è parecchio singolare. Secondo quanto è stato ricostruito dopo la denuncia delle parti offese, il procuratore Platania si sarebbe fatto consegnare il 31 maggio del 2007 un determinato fascicolo processuale da un suo sostituto, Maria Mocciaro.

Un fascicolo che riguardava una querela presentata qualche settimana prima, il 21 aprile, da Aldo Lazzaro, all´epoca amministratore della "Sampieri srl", per ingiuria e diffamazione nei confronti dei componenti del collegio sindacale della ditta. In questa querela l´amministratore segnalava anche una serie di comportamenti dei soci di minoranza in relazione a vicende legate alla gestione societaria.

Il fascicolo, sempre secondo quanto recita il capo d´imputazione, il procuratore Platania lo avrebbe trattenuto sino al 29 febbraio del 2008, giorno in cui lo restituì al suo sostituto. Così avrebbe impedito l´adozione di atti urgenti (il sequestro del verbale del collegio sindacale della ditta, atto in cui il Lazzaro a suo dire era stato diffamato). Atti urgenti che vennero poi richiesti dal pm il 25 giugno del 2008 ed emessi dal giudice di pace il giorno successivo.

Il procuratore Platania avrebbe fatto tutto questo perché, sempre secondo quanto recita il capo d´imputazione, alcuni soci di minoranza della "Sampieri srl" sarebbero «vicini al Platania», e in occasione di alcuni soggiorni effettuati dal procuratore e da suoi familiari a Modica tra il 2007 e il 2008 presso il villaggio albergo "Hotel Baia Samuele", (gestito dalla "Sampieri srl"), gli avrebbero riservato «un trattamento di favore sul pagamento».