Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:58 - Lettori online 756
ISPICA - 14/07/2010
Cronache - Ispica: in due aziende che si trovano in contrada Valleforno

Due tentati furti nell´Ispicese ad opera della stessa mano?

L’attivazione dell’antifurto ha mandato all’aria i loschi piani dei balordi

Tentato furto, nelle prime ore di martedì, in due aziende che si trovano in contrada Valleforno, l’una poco distante dall’altra, lungo la strada che da Ispica conduce a Santa Maria del Focallo. Un allarme interno (l’impianto è separato rispetto a quello esterno) ha sventato la rapina, facendo accorrere tanto il titolare di una delle due imprese (un’azienda di trasporti), quanto i carabinieri della Stazione di Ispica. I tentativi di furto sono in modo probabile collegati.

La medesima banda di ignoti ladri, almeno questo sembra da una prima ricostruzione dei fatti da parte degli inquirenti, si è infatti, prima, introdotta in un vivaio, sfondando un muro e puntando, forse, al furto di sementi, di macchinari e di personal computer. Non è stato reso noto il fatto se i malviventi avessero già accatastato in una angolo esterno la refurtiva, pronta per sottrarla all’azienda e portarla via.

Il secondo furto, quindi, in modo probabile, se fosse andato a buon fine, avrebbe dovuto esser funzionale al primo, in quanto l’intento dei malviventi era proprio quello di appropriarsi di un mezzo dalla ditta dei trasporti, per caricare la merce rubata nel vivaio. L’avidità ha però giocato un brutto scherzo ai ladri, i quali, dopo aver forzato uno degli accessi della ditta di trasporti, non si sono soffermati nel parco macchine, ma si sono introdotti negli uffici all’interno dello stabile. Tutto ciò, forse, nutrendo la speranza di trovare denaro contante.

L’attivazione dell’antifurto ha mandato all’aria i loschi piani dei balordi, che, ovviamente, sono fuggiti via, facendo perder le tracce nella campagne del circondario.Le indagini dei carabinieri sono in corso e non si esclude seguano già una pista.