Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 559
ISPICA - 27/05/2010
Cronache - Ispica: le due donne di 21 e 19 anni sono state arrestate dai Carabinieri

Mamme ladre negli asili nido con i figli di 3 e 7 anni

Con la scusa di voler iscrivere i loro figli all’asilo nido, le due donne raccoglievano informazioni dalle maestre, e, mentre i due pargoli cominciavano a fare baccano, infilavano le mani nelle borsette

Si servono dei loro bimbi di 3 e 7 anni per distrarre le maestre degli asili nido e rubare loro i portafogli dalle borsette. Un metodo semplice e collaudato quello utilizzato da due giovanissime mamme, di origini ispicesi ma da tempo residenti a Rosolini. V.M. e I.S., di 21 e 19 anni, entrambe incensurate, l’hanno fatta franca in tre asili nido di Ispica. Ma l’ultimo furto nell’ennesimo asilo è andato male e le ingorde malviventi sono state scoperte e arrestate dai Carabinieri per furto aggravato e continuato in concorso.

Con la scusa di voler iscrivere i loro figli all’asilo nido, le due donne raccoglievano informazioni dalle maestre, mentre i due pargoli cominciavano a fare baccano, forse debitamente «istruiti» dalle loro stesse madri. E così, mentre le maestre tentavano di calmare i bambini, anche per dimostrare di saperci fare, le mamme infilavano le mani nelle loro borsette e sfilavano via i portafogli. Una mossa che non è passata però inosservata. Le maestre hanno così trattenuto le due donne e chiamato il 112. Le ladre avevano tentato di fuggire con i loro bimbi.

I Carabinieri hanno però rintracciato e bloccato le donne, che, nel frattempo, avevano gettato il portafogli della maestra sotto un auto in sosta. I soldi erano invece stati nascosti nei pantaloncini di uno dei bimbi. Alle due donne, riconosciute anche dalle maestre degli altri sili nido presi di mira, sono stati concessi i domiciliari per consentire loro di poter accudire i rispettivi figlioletti.