Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 881
ISPICA - 17/11/2007
Cronache - Ispica - I tre malviventi erano stati arrestati dai Carabinieri

Due anni di carcere
per gli scippatori di vecchiette

Due rosolinesi e un albanese già in libertà, avendo benficiato della sospensione condizionale della pena Foto Corrierediragusa.it

Una pena complessiva di quasi due anni di carcere è stata applicata dal giudice Patricia Di Marco al terzetto di malviventi che, dopo aver scippato ad Ispica una vecchietta appena uscita dall’ufficio postale circa due settimane fa, stavano per fare il bis a Pozzallo prima d’essere individuati e ammanettati dai Carabinieri.

Il rosolinese Bruno Modica, 19 anni, ha patteggiato la pena. Il difensore ha concordato con il pm Diana Iemmolo sei mesi di reclusione e 160 euro di multa, ritenuti congrui dal giudice che ha invece condannato, con il rito ordinario, Luigi Puglisi (nella foto), 28enne di Rosolini, e l’albanese Mehdi Fougoiur. Mentre al primo sono stati inflitti otto mesi e 20 giorni di carcere e 300 euro di multa, il secondo è stato condannato a otto mesi e 220 euro.

Il terzetto, che ha beneficiato della sospensione condizionale della pena, è comparso ieri mattina in aula per il processo direttissimo. Il giudice ha altresì disposto il dissequestro dell’auto utilizzata dai giovani per spostarsi e la distruzione di un coltello detenuto da uno di loro.

I militari avevano messo il sale sulla coda dei tre malviventi in poche ore, dopo la denuncia dell’arzilla 83enne ispicese scippata che, con invidiabile lucidità, fornì una dettagliata descrizione dell’auto e dei tre scippatori, rintracciati poi a Pozzallo dove, appostati vicino all’ufficio postale, si stavano approntando a scippare un altro vecchietto della pensione appena ritirata.

Bruno Modica Medhi Fouguir