Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 693
ISPICA - 21/04/2009
Cronache - Ispica: i Carabinieri hanno transennato un’area di circa 700 metri quadrati

Ispica: sequestrata discarica abusiva nei Pantani Longarini

Vi erano ammassati rifiuti di ogni genere, anche speciali e pericolosi
Foto CorrierediRagusa.it

Sequestrata l’ennesima discarica abusiva nei pantani Longarini. I carabinieri della Compagnia di Modica hanno transennato un’area di circa 700 metri quadrati dove sono stati trovati ammassati rifiuti di ogni genere, anche speciali e pericolosi. Uno scempio ambientale che, immerso nello scenario ameno e suggestivo offerto dai pantani, deturpa una zona lussureggiante di flora e di rari esemplari di fauna.

L’area sequestrata dai militari ricopre un terreno privato illecitamente utilizzato appunto come discarica.

Il sequestro della discarica abusiva scaturisce da meticolose indagini effettuate dai carabinieri di Pozzallo. Questi ultimi, a bordo di una motovedetta e coadiuvati dal Nucleo ambientale polizia provinciale, hanno scoperto l’inaccettabile degrado che deturpava lo straordinario scenario dei pantani Longarini. Sulla nuda terra sono stati trovati cumuli di rifiuti speciali, pericolosi e non. Quali terre e rocce da scavo non ancora bene identificate, lastre onduline in eternit sgretolate, rifiuti plastici ed ingombranti di ogni genere (frigoriferi, materassi e pneumatici).

L’area è stata posta sotto sequestro, in quanto violato il Decreto legislativo numero 152 del 2006 che contempla la tutela ambientale.

La zona è stata transennata dai Carabinieri, adesso, saranno le autorità competenti informate dai militari ad occuparsi della successiva bonifica del luogo contaminato dai rifiuti.

Dopo il sequestro della discarica abusiva in contrada Graffetta effettuato dalla Guardia di Finanza, Nucleo mobile tenenza di Pozzallo, nel quadro della costante attenzione attribuita alla tutela ambientale anche da parte dei carabinieri, proseguono i controlli per identificare gli autori dell’abbandono dei materiali inquinanti.