Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 17:39
ISPICA - 24/11/2017
Cronache - Le operazioni dei carabinieri

Manette a una casalinga per furto portafogli

Anche arresti per droga. I due presunti pusher sono stati rinchiusi nel carcere di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri della stazione di Ispica hanno arrestato in flagranza di reato una donna di Ispica 59enne, casalinga, per furto aggravato di portafogli. I militari dell’arma erano stati chiamati in tarda mattinata da una parrucchiera del centro di Ispica, dove una cliente aveva denunciato di aver subito il furto di un portafogli dalla propria borsetta. I carabinieri, dopo le prime indicazioni ricevute, avevano immediatamente proceduto alla perquisizione domiciliare dell’indiziata, rinvenendo il portafogli contenente i documenti della vittima e 150 euro. La donna non ha saputo fornire spiegazioni ed è stata condotta in caserma per i successivi accertamenti. Al termine delle formalità è stata dunque arrestata, mentre la refurtiva è stata recuperata e consegnata all’avente diritto.

Ad Acate, nel corso dei controlli del territorio, nello specifico in contrada Macconi, i carabinieri hanno arrestato Mansour Mouez, tunisino di 34 anni, e Messaoudi Firas, algerino di 31, sorpresi con della cocaina. L’atteggiamento nervoso ed agitato dei due giovani, durante un normale controllo lungo la riviera, ha subito insospettito i militari che li hanno perquisiti, senza però trovare alcunchè. Si è deciso così di estendere la perquisizione anche alla loro abitazione, rinvenendo nell’angolo cottura della casa un involucro di cellophane contenente quasi 5 grammi di polvere bianca. L’immediato controllo con il kit narcotest ha consentito di appurare che si trattava di cocaina: la droga così rinvenuta è stata sottoposta a sequestro penale. E’ dunque scattato l’arresto in flagranza di reato per i due magrebini, ora rinchiusi nel carcere di Ragusa per il reato di detenzione di droga ai fini di spaccio.