Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 22 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:08 - Lettori online 497
ISPICA - 03/11/2017
Cronache - Le indagini dei carabinieri

Furti nei supermercati e nelle profumerie

Talvolta si servivano anche di una complice Foto Corrierediragusa.it

Una coppia ragusana, uomo e donna, è stata arrestata dai carabinieri in quanto ritenuta responsabile di numerosi furti in supermercati e profumerie. L’indagine dei militari dell’Arma prese le mosse da un furto compiuto in un supermercato di Ispica nel febbraio 2017, dove la coppia portò via numerose forme di Grana Padano per un totale di circa 700 Euro. Successivamente sempre nello stesso mese, i due, questa volta con una complice, decisero di colpire in una profumeria di Ispica, dove portarono via circa 200 Euro tra trousse di trucchi e profumi. Sempre nello stesso mese la coppia puntò un supermarket di Scicli da dove stavano per portarsi via champagne ed alcoolici per 200 euro: in questo caso solo l’intervento del proprietario riuscì a sventare il colpo. A pochi giorni dalla precedente sortita, i ladri iblei (in questo caso accompagnati dalla complice colpita da misura cautelare) si introdussero in una profumeria di Scicli dalla rubarono costosi profumi da donna del valore di circa 700 euro.

Sempre secondo i carabinieri, i ladri colpirono anche in un supermercato di Santa Croce Camerina nel giugno 2016, dove rubarono bottiglie di superalcolici per 100 euro. Di fatto le modalità di azione erano simili, ovvero l’uomo restava fuori dal locale con funzione di «palo», la donna entrava con una grande borsa nera ed iniziava a fare man bassa di quanto di utile potesse sottrarre. Spesso, portavano con loro anche una bambina che entrava nei market di medio-piccole dimensioni, a volte non dotati di anti-taccheggio, ed iniziava a correre tra gli scaffali per distrarre i commessi. Le indagini portate avanti in questi mesi hanno dunque consentito ai militari di risalire ai ladri.