Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 26 Luglio 2017 - Aggiornato alle 20:31 - Lettori online 550
ISPICA - 14/07/2017
Cronache - E’ successo nella zona industriale di Modica Pozzallo

Tre ladri colti con le mani nel sacco

La refurtiva è stata restituita al proprietario Foto Corrierediragusa.it

I Carabinieri della Stazione di Marina di Modica hanno arrestato in flagranza di reato due persone, e denunciato un minorenne, sorpresi mentre rubavano alcune apparecchiature elettriche e materiali vari da una grossa azienda della zona industriale di Contrada Fargione. Infatti, i militari dell’Arma, nel corso di alcuni controlli di prevenzione nella zona industriale Asi, hanno notato in lontananza un autocarro che usciva frettolosamente da una stradina vicina ad una azienda e, alla vista della pattuglia, effettuava una manovra sospetta per evitare il controllo. A questo punto, i Carabinieri sono subito intervenuti e hanno fermato il mezzo con a bordo tre persone di origine catanese: Michele Drago, 24 anni, Giovanni Grillo, di 62, entrambi già noti alle forze di polizia, ed un minorenne.

A bordo dell’autocarro, i tre avevano appena caricato tre grosse batterie aerorefrigeranti ed alcuni materiali vari per un valore di circa 3 mila euro, appena rubati da un’azienda. Per questo motivo i Carabinieri li hanno condotti in caserma ed hanno dichiarato in arresto per furto aggravato in concorso i due maggiorenni. mentre hanno denunciato in stato di libertà il minorenne.

Intanto, i militari dell’Arma hanno provveduto a restituire la refurtiva al legittimo proprietario e stanno svolgendo ulteriori accertamenti per verificare se i tre malviventi si siano resi responsabili di altri furti nella zona atteso che l’autocarro con cui sono stati fermati era stato segnalato nei giorni passati in alcune zone isolate.