Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 18 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 21:49 - Lettori online 662
ISPICA - 25/11/2016
Cronache - E’ successo lungo il litorale ispicese

Ladro armato d´ascia di notte in casa di anziani

Per fortuna nessuna è rimasto ferito. I carabinieri esortano chi subisce un furto a denunciarlo sempre e comunque Foto Corrierediragusa.it

Svegliarsi in piena notte e ritrovarsi lungo il corridoio di casa e nella semioscurità un uomo incappucciato con un’ascia in mano. E’ la terribile esperienza vissuta suo malgrado da un anziano, peraltro malato, che vive con la moglie a Marina Marza, nella zona di contrada Pantano. Il ladro aveva già frugato nel garage, dove aveva prelevato l’arma impropria, prima di penetrare nell’abitazione dov’era stato sorpreso dal padrone di casa. Il ladro, senza scomporsi più di tanto, ha guardato l’anziano per qualche secondo e poi, in modo serafico, è tornato sui propri passi, andandosene via senza rubare nulla. La singolare vicenda, per fortuna conclusasi senza conseguenze, è stata messa nero su bianco nella denuncia presentata ai carabinieri, assieme ad altre da parte di residenti della zona presa di mira dai malintenzionati. In pochi comunque sporgono denuncia, per mancanza di tempo o per scarsa fiducia nell’esito della stessa, rispetto alla impressionante sequela di furti, ad una media di quasi due al giorno, che sta interessando il litorale ispicese dallo scorso settembre. I ladri hanno difatti intensificato le loro incursioni ai danni delle case di villeggiatura rimaste chiuse dopo la stagione estiva, rubando un po’ di tutto. Talvolta è più grave il danno causato dai ladri per entrare in casa rispetto al valore stesso della merce portata via, spesso elettrodomestici, suppellettili o semplici cibarie.

I malviventi però non disdegnano di portarsi via neanche attrezzi da lavoro quali motozappa o, come nel caso dell’anziano spaventato a morte, asce o altro ancora. I residenti esasperati puntano il dito su un paio di gruppi di immigrati che abitano in altrettante case semi diroccate e che nelle ore serali si vedono girare attorno alle case che poi vengono regolarmente depredate. «Vogliamo l’esercito, come accaduto a Milano e Palermo, perché così non si può vivere», ci riferisce al telefono un portavoce del malcontento degli abitanti della zona. L’auspicio è dunque che il sindaco di Ispica Pierenzo Muraglie si attivi per quanto di sua competenza, unitamente ad una intensificazione dei controlli da parte delle forze dell’ordine, dal momento che qualche residente ha già provveduto ad installare delle telecamere di sicurezza.

I carabinieri, da parte loro, hanno intensificato i controlli sul territorio, esortando chi subisca un furto, anche lieve, a denunciare sempre e comunque il fatto alla più vicina stazione dei militari, elemento questo indispensabile per indirizzare subito le indagini nella giusta direzione e avere al contempo reale contezza dei fatti per poter agire di conseguenza e nel minor tempo possibile.