Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 541
ISPICA - 15/07/2016
Cronache - Mini sbarco fuori dai soliti canali

Sbarco a Ciriga: sono arrivati in 33

Il tempestivo intervento ha scongiurato una possibile tragedia Foto Corrierediragusa.it

Sono stati salvati dai carabinieri i 33 clandestini sbarcati a Ciriga, sul territorio ispicese, nelle prime ore di venerdì. Si tratta di 19 uomini (tra i quali un disabile), 9 donne e 5 minori (due sono bambini di pochi mesi), verosimilmente provenienti da Iran, Iraq e Sri Lanka. Sono apparsi spossati, ma in buono stato di salute. Una volta giunti a riva, dopo i primi accertamenti, i rifugiati sono stati trasportati all’hotspot di Pozzallo per le operazioni di identificazione e di fotosegnalamento. Erano le 3 e 30 del mattino quando una barca a vela di legno di circa 15 metri è approdata nello specchio d’acqua di «Ciriga», rimanendo bloccata a 50 metri dalla spiaggia. Non potendo raggiungere l’imbarcazione a causa del fondale bassissimo, la capitaneria di porto ha richiesto l’intervento dei militari di Pozzallo, che, nonostante le pessime condizioni meteo marine (mare forza 6 da nordovest) e i forti venti di maestrale (con raffiche da 15 a 30 nodi), sono riusciti a partire dal porto di Pozzallo con il battello pneumatico (idoneo a navigare in così bassi fondali) e a raggiungere l’imbarcazione tempestivamente. Con non poche difficoltà, unitamente a militari della capitaneria di porto di Pozzallo, l’equipaggio della motovedetta ha tratto in salvo le 33 persone. Il tempestivo intervento dei carabinieri ha scongiurato l’ennesima tragedia del mare.