Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1064
ISPICA - 23/03/2016
Cronache - In manette l’incensurata ispicese 43enne Patrizia Zocco

Domestica infedele rubava nelle case: arrestata

Alla donna sono stati concessi i domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Case svaligiate ma senza nessuna effrazione. I carabinieri ci hanno messo poco ad individuare il fil rouge che collegava gli strani furti: la domestica. In tutte le case prese di mira in territorio di Ispica la donna era stata alle dipendenze dei proprietari che si erano fidati di lei, senza neppure sospettarla e anzi lasciandole in alcuni casi pure le chiavi di casa. E hanno fatto male, perché la donna, approfittando della fiducia accordatagli, tra una spolverata e una rassettata frugava nei cassetti alla ricerca di oro e gioielli che poi andava portava nelle rivendite, facendosi consegnare il contante. E così per la domestica infedele sono scattate le manette da parte dei carabinieri. Si tratta di Patrizia Zocco (foto), 43 anni, incensurata di Ispica. La donna è stata inchiodata alle proprie responsabilità grazie agli elementi raccolti dai militari, i quali, come accennato, non avevano riscontrato segni di scasso nelle abitazioni prese di mira ma dove, in compenso, la donna aveva lavorato. Le testimonianze dei titolari di compro oro hanno completato il quadro, riferendo di ricordarsi bene della donna che aveva portato loro i gioielli, ma ignorando che fossero di provenienza furtiva.

Le indagini scattarono nel settembre scorso, quando arrivò la prima denuncia ai carabinieri, che, in questi sei mesi hanno chiuso il cerchio arrestando la domestica infedele per il reato di furto in abitazione continuato ed aggravato dal fatto di aver abusato della relazione domestica intercorsa con le parti offese. Alla donna, ritenuta autrice di almeno 5 furti in abitazione, sono stati concessi i domiciliari mentre le indagini sul suo conto proseguono per accertare la commissione di altri furti non ancora denunciati.