Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1502
ISPICA - 19/10/2015
Cronache - L’incidente mortale autonomo di contrada Timponelli

"Giuseppe è morto per la sua passione"

L’ultimo saluto nella basilica della Santissima Annunziata
Foto CorrierediRagusa.it

"Giuseppe è morto inseguendo la sua passione, non sta a noi giudicare. Per noi era e sarà sempre speciale". E´ questo uno stralcio della toccante lettera di addio letta dallo zio di Giuseppe Di Giacomo al termine dei funerali celebrati in una gremitissima basilica della Santissima Annunziata (foto). Il 32enne ispicese operaio con la passione per le moto era rimasto vittima di un incidente stradale autonomo proprio mentre era in sella alla sua Yamaha R1 lungo la provinciale Ispica – Pachino all´altezza di contrada Timponelli. All´improvviso il centauro ne aveva perso il controllo, a quanto pare in prossimità di una curva, andando a sbattere in maniera violenta contro il muro che delimita la carreggiata: l’urto purtroppo gli era stato fatale. L´uomo ha lasciato la compagna e 2 figli piccoli. Il giovane era già stato vittima nel recente passato di un altro grave incidente, sempre alla guida della stessa moto, che lo aveva tenuto in stato di coma per qualche tempo. Quest’altro sinistro purtroppo si è stavolta rivelato fatale.

Tornando ai funerali, particolarmente sentita l´omelia di don Michele Fidone, che ha riservato parole di conforto alla famiglia distrutta dal dolore. Poi all´uscita dalla chiesa il feretro è stato accolto da una lunga fila di moto, un tributo degli amici di Giuseppe che con lui condividevano la passione per le due ruote.


non è una morte del sabato sera
22/10/2015 | 12.16.02
Sara

Sono La sorella di Giuseppe, Mio fratello non è morto per divertirsi il sabato sera, ma alle 06.15 DEL Sabato Mattina mentre si recava a Lavoro.