Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 799
ISPICA - 16/10/2015
Cronache - Manette per Ignazio Bonomo

Incensurato ispicese arrestato per droga

Arresto nell’ambito dei servizi di controllo dei militari Foto Corrierediragusa.it

Un arresto è il bilancio dell’operazione antidroga effettuata dai Carabinieri, che hanno inoltre sequestrato 32 grammi di hashish e materiale utile al confezionamento della sostanza. In manette è finito il 31enne ispicese Ignazio Bonomo, che dovrà rispondere davanti al giudice dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Bonomo, incensurato, è stato dichiarato in arresto su disposizione del sostituto procuratore Monica Monego e si trova ora ristretto al regime dei domiciliari presso la propria abitazione. I carabinieri della Compagnia di Modica, giovedì mattina, hanno effettuato l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, monitorando soprattutto le piazze maggiormente frequentate ed alcune zone che, specie negli ultimi tempi, sono state segnalate dai cittadini quali punti di ritrovo per lo spaccio. Con l’ausilio di unità del Nucleo carabinieri cinofili di Nicolosi, hanno controllato diversi persone, fra le quali Bonomo, che è stato sorpreso in possesso di 32 grammi hashish, dopo le perquisizioni personale e domiciliare. La droga, nonostante fosse ben nascosta nell’abitazione del 31enne e suddivisa in diverse bustine di cellophane, non è sfuggita al fiuto dell’unita cinofila dei carabinieri.

Nel corso della perquisizione domiciliare, inoltre, i militari dell’Arma hanno rinvenuto materiale per il confezionamento dello stupefacente, in particolare un bilancino di precisione e due coltelli con le lame intrise di droga, verosimilmente utilizzati per il taglio della droga. La sostanza sequestrata è stata spedita al laboratorio di analisi dell’Asp 7 di Ragusa per gli esami qualitativi e quantitativi e, dunque, risalire ai possibili ricavi in termini economici.