Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 673
ISPICA - 22/07/2015
Cronache - Arrestato un agricoltore

VIDEO Scoperta piantagione di "erba" dai carabinieri

L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa e tutto è stato sottoposto a sequestro Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri di Modica hanno scoperto e sequestrato una vasta piantagione di «cannabis indica», la pianta dalla cui lavorazione si ricava la marijuana. Nel corso di un’operazione antidroga, infatti, i militari dell’arma, che da tempo tenevano sotto controllo un terreno coltivato a pomodori e zucchine e gestito da un agricoltore di origine albanese, hanno fatto irruzione nella serra.



La piantagione era ben nascosta a Santa Maria del Focallo, nel Comune di Ispica. All’interno della serra, che si estende su un’area di circa 2 mila metri quadrati, i militari hanno rinvenuto circa 200 piante di “cannabis indica” dell’altezza variabile tra un metro ed un metro e mezzo, nascoste fra altre piante di pomodori. Il coltivatore della serra, Doka Muhamet, 41enne, albanese, già noto per vari reati, è stato quindi arrestato per produzione di sostanze stupefacenti e, dopo le formalità di rito, come da disposizione del sostituto procuratore di turno Alessia La Placa, è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa. Nel corso del blitz i carabinieri hanno anche rinvenuto uno specifico impianto di irrigazione allestito dall’uomo, esteso per tutta la coltivazione, che gli consentiva di annaffiare le piante anche la notte e senza la sua costante presenza. Infatti, la piantagione è risultata molto curata e rigogliosa, nonché, dotata di apposito impianto di irrigazione e concimazione. Tutto questo denota una non occasionale attività illecita condotta dal cittadino albanese. Le piante di marijuana sono state estirpate e campionate, per un peso complessivo di quasi 200 chili. Da una prima stima, la sostanza, una volta fatta essiccare ed immessa sul mercato nero, avrebbe potuto fruttare un guadagno consistente fino a 80 mila euro. Tutto è stato sequestrato.