Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 396
ISPICA - 16/05/2015
Cronache - Vigili del fuoco al lavoro

Rogo doloso a Ispica, corto circuito a Scicli

In entrambi i casi nessun danno alle persone Foto Corrierediragusa.it

Vigili del fuoco impegnati su due fronti tra venerdì notte e sabato mattina per spegnere incendi a Ispica e Scicli. Nel primo caso la chiamata è arrivata da Contrada Vallefondo intorno alle 22 di venerdì. Le fiamme hanno interessato un´azienda agricola sulla Ispica-Santa Maria del Focallo, in particolare un capannone adibito a deposito di prodotti di ortofrutta destinati al mercato. Il sinistro ha gli aspetti della probabile natura dolosa ed ha preso il sopravvento nella parte esterna dell’immobile dove si trovavano accatastate cassette di legno e di plastica. L’allarme è stato lanciato dagli stessi proprietari dell´azienda che sono subito intervenuti nell’attesa che arrivassero i vigili del fuoco. Sul posto, oltre ai pompieri di Modica, è intervenuta, in ausilio, una squadra del Comando Provinciale di Ragusa, con un´autobotte e un carro-schiuma. Le fiamme hanno interessato anche la saracinesca della struttura e una parte di un’abitazione rurale limitrofa. Scongiurato che l´incendio si propagasse anche all´interno del capannone dove si trovavano alcuni mezzi dell´azienda e merce pronta per la vendita. Dalla vicenda stanno indagando i carabinieri di Ispica.

I danni sono in corso di quantificazione ma sono, fortunatamente, coperti da assicurazione. A Scicli, i vigili del fuoco di Modica, sono stati chiamati intorno alle 6,30 di sabato, in Corso Mazzini , dove si stava incendiando il postamat dell´Ufficio Postale. Annerite le pareti esterne e interne della struttura che ospita l´ufficio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale Tenenza. In questo caso l´ipotesi più plausibile è quella del corto circuito.