Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 679
ISPICA - 03/05/2015
Cronache - Il bracciante agricolo di Ispica lascia la giovane moglie e il figlioletto di 5 anni

Passione per le moto fatale: muore Tonino Peligra

Il suo mito era Valentino Rossi e pare non perdesse una gara del «MotoGp»
Foto CorrierediRagusa.it

Muore il centauro 29enne Antonio Angelo Peligra, a tutti noto come Tonino (foto) in un tragico incidente stradale sulla provinciale 50 che si estende lungo la contrada Bufali – Marza. L’ispicese, a bordo di una Yamaha «Fz1», da Ispica, procedeva in direzione Marina – Marza. Nei pressi del kartodromo, s’è schiantato contro un camion, guidato dall’ispicese 35enne S.I., mentre eseguiva una manovra di svolta a sinistra per immettersi nello spiazzale dell’azienda «Api». Il giovane è stato subito soccorso dagli operatori del servizio 118, che, constatando la gravità della situazione, hanno chiesto l’ausilio dell’elisoccorso, con l´elicottero atterrato in un campo nei pressi del tragico impatto, e il trasporto d’urgenza all’ospedale «Cannizzaro» di Catania. Peligra è deceduto dopo mezzogiorno nel nosocomio etneo a seguito di un arresto cardiocircolatorio. Purtroppo per il giovane non c’è stato nulla da fare.

Una domenica macchiata di sangue, che lascia straziati da un lancinante dolore i parenti del giovane. Le strade ispicesi hanno mietuto un’altra vittima, l’ennesima, che lascia vedova la moglie e orfano il figlioletto di 5 anni. L’asfalto sconnesso e l’inadeguata segnaletica hanno probabilmente concorso all’inevitabilità dell’impatto, anche se ancora è prematuro ipotizzare la dinamica dell’incidente. Nulla si conosce, infatti, sui risultati dei rilievi stradali effettuati dai carabinieri ispicesi, che mantengono il massimo riserbo sull’accaduto.

La vittima, conosciuta da tutti semplicemente come Tonino, era bracciante agricolo. Tonino amava le moto. Il suo mito era Valentino Rossi e pare non perdesse una gara del «MotoGp». Purtroppo è stato tradito dalla sua stessa passione.