Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 403
ISPICA - 10/10/2014
Cronache - I residenti non ci stanno e chiedono attenzione

Fumarole abusive in territorio di Ispica

L’illegale fenomeno si presenta ogni giorno all’alba
Foto CorrierediRagusa.it

Fumarole abusive in territorio di Ispica (foto). L’illegale fenomeno si presenta ogni giorno all’alba ammorbando le giornate di quanti vivono e lavorano nella popolosa zona di contrada Nardella – Passi e nella vasta area compresa tra il cimitero comunale e un noto villaggio turistico, in particolare lungo la strada che da Ispica porta al mare, per la precisione a Santa Maria del Focallo. Decine di chilometri quadrati di campagna puntellate da nuvole di fumo acre e maleodorante provocate da quanti di buon’ora bruciano illegalmente all’aria aperta la plastica dismessa dalle serre, altamente tossica, e scarti di materiale vegetale. Come documentato dalla foto, il fenomeno è abbastanza evidente e si verifica, come accennato, quotidianamente. I responsabili agiscono di notte o all’alba per non rischiare di essere individuati. Ne fanno le spese i residenti, che invocano maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, specie della polizia provinciale, da sempre attenta a questa problematica, come documentato dalle decine di denunce nelle ultime settimane.

Stando a quanto riferitoci dai residenti, basta farsi un giro di buon mattino nella zona per assistere all’illegale fenomeno. Ma proprio la polizia provinciale sta monitorando la zona e già si sono registrate diverse denunce, come riferitoci dal comandante Raffaele Falconieri, il quale specifica che «Il lavoro di vigilanza e contrasto del fenomeno viene reso più difficile dall’ampia estensione dell’area da controllare».